Attenzione: puoi rischiare il plagio anche senza volerlo.

Come Non Copiare (anche involontariamente) la Tesi di Laurea?

Per evitare problemi con la tua università è meglio prevenire ogni similitudine tra la tua tesi e le fonti da cui hai studiato. Ecco come fare.

Perchè è rischioso consegnare una tesi con delle frasi “copiate” senza saperlo?

Tutte le università italiane (anche la tua) utilizzano dei software antiplagio professionali con degli algoritmi che trovano automaticamente le similitudini del testo della tua tesi, confrontandola con altri testi già esistenti.

Questo “plagio” nella tesi può anche essere involontario, ad esempio se hai sbagliato a citare oppure hai scritto una frase in modo troppo simile a una scritta da qualcun altro online o su qualche libro.

Purtroppo ci sono gravi conseguenze pratiche e penali per il plagio nella tesi.

Insomma, meglio evitare il plagio e non copiare in nessun modo la tesi di laurea, per non avere problemi con la tua università e commettere un possibile reato penale (vedere anche la legge del 22 aprile 1941, n. 633 “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio.”).

Cosa viene considerato come un plagio nella tesi? Cosa devi correggere?

Come detto uno dei problemi principali del plagio nella tesi è che possono essere considerate “copiate” anche frasi che non hai plagiato apposta e quindi non sai che rischiano di essere segnalate dalla tua università. I software antiplagio possono identificare come plagio:

  • Una o più frasi che hai copiato volontariamente uguale da un altro testo originale
  • Una o più frasi che hai copiato volontariamente, cambiando le parole, da un altro testo originale (parafrasi)
  • Una o più frasi che hai tradotto letteralmente da un testo originale in un’altra lingua
  • Una o più frasi che hai scritto tu, però per caso sono simili ad altre frasi già esistenti su altri documenti.
  • Una citazione, bibliografia o intervista che non hai formattato correttamente nel testo.

È importante che tu scopra subito se la tua tesi di laurea contiene uno o più di questi problemi: solo in questo modo puoi correggerli. Ma come saperlo prima di inviare il documento al tuo professore o in segreteria?

immagine

Usa un software antiplagio affidabile per sapere in anticipo se nella tua tesi c’è un possibile plagio!

Come scoprire se nella tesi ci sono delle similitudini che rischiano di essere considerate come plagio?

La cosa più semplice e sicura che puoi fare è controllarla anche tu con un programma antiplagio, prima che la controllino il tuo professore o la segreteria.

Per capire quale software antiplagio è più affidabile leggi il nostro approfondimento oppure confronta direttamente tutti i migliori programmi antiplagio disponibili per gli studenti e scegli il più adatto per le tue necessità.

Loader

Calcola da solo il tuo preventivo per la verifica antiplagio.

Carica il tuo file online, senza impegno né registrazione.

Il caricamento è 100% anonimo: non salviamo mai i documenti dei nostri studenti e non hai bisogno di installare nessun programma o app.

Software antiplagio gratuito o a pagamento?

Quando cerchi un modo sicuro per controllare il plagio nella tesi di Laurea, affidarsi a un programma gratuito può essere rischioso. I siti gratuiti hanno risorse limitate, senza algoritmi precisi né database affidabili: la percentuale di plagio che trovano non è compatibile con i controlli della tua università!

 

La tabella è stata compilata raccogliendo una media dei dati da siti antiplagio gratuiti e software professionali come Plagio Scanner, Compilatio Studium, Turnitin, Zero Plagio e NoPlagio. Per approfondimenti puoi consultare la nostra pagina con tutti i migliori software antiplagio, per trovare le differenze tra i diversi servizi, le caratteristiche più importanti e i prezzi offerti.

Usa il report antiplagio per rimuovere le similitudini dalla tua tesi

Una volta fatto il controllo, un programma antiplagio professionale ti fornisce sempre un report con:

  • Similitudini evidenziate nel testo: è la somiglianza identica tra il testo che hai caricato e tutti gli altri testi già esistenti.
  • Parafrasi evidenziate nel testo: sono le parti del testo caricato che hanno una leggera somiglianza con altri testi già esistenti.
  • Citazioni corrette evidenziate nel testo: sono le parti della tesi identificate correttamente come citazioni da altre fonti.
  • Citazioni improprie o inclusioni evidenziate nel testo: sono le parti della tesi identificate come citazioni incomplete che hai preso da altre fonti
  • La percentuale di similitudine o plagio: un numero che indica matematicamente quanto testo è “copiato” rispetto al totale della tua tesi.

Quando hai ricevuto il report antiplagio vedi facilmente quali frasi sono da riscrivere, correggere o modificare, in modo che non siano più considerate come un testo copiato.

immagine

Consigli pratici per non copiare una tesi involontariamente:

Durante tutto il lavoro di ricerca e scrittura per la tua tesi di Laurea ci sono comunque dei trucchi, consigli e accortezze che puoi seguire per ridurre al minimo le possibilità di frasi segnalate dai software antiplagio:

E naturalmente anche sei sicuro di aver fatto tutte queste cose, controlla sempre la tua tesi con un programma antiplagio affidabile prima di consegnarla alla tua università.

Meglio prevenire i problemi di plagio piuttosto che rischiare di essere denunciato e non poterti laureare.

Hai dubbi o domande sulla rimozione del plagio dalla tua tesi? Dal 2012 lavoriamo con gli studenti di tutta Italia: saremo felici di consigliarti nel migliore dei modi. Compila il modulo in questa pagina con le tue domande, senza alcun impegno, ti risponderemo al più presto.

    Ho letto e accetto i termini della Privacy Policy.